Persone diverse hanno diversi modelli di cognitivi e questi stanno alla base delle reazioni umane. La progettazione moderna di queste interfacce uomo-computer dovrebbe prendere in considerazione queste differenze per ottenere i massimi benefici.

Ci sono diverse pubblicazioni nelle quali si mostrano gli effetti di processi di reingegnerizzazione delle interfacce nei casi di sistemi di visualizzazione e controllo di impianti nucleari, torri di controllo negli aeroporti, e di supervisione di sistemi ferroviari.

A causa della natura di questo settore, sono necessari tempi di reazione più rapidi e sono tollerati meno errori. Una progettazione dell’interfaccia costruita sulla base dei modelli di ragionamento del personale incaricato del monitoraggio e controllo (in genere tecnici ed ingegneri) ha dimostrato che è possibile ridurre i tempi di reazione in alcune situazioni critiche e il numero di errori.

Una delle possibilità offerte dalla riprogettazione degli ambienti di lavoro in ottica di Industria 4.0 è quella di riprogettare sistemi ed interfacce adattative capaci di adattarsi alle capacità della persona che ci interagirà. Questo può servire a ridurre la probabilità di errori e possibilmente il numero di incidenti ed infortuni gravi e meno gravi sul lavoro.

Tra le possibili interfacce uomo-macchina la tecnologia dei ChatBot può ricoprire un ruolo rilevante.